English

Acquista per
Prezzo

Denominazione
  1. Aglianico
  2. Aleatico
  3. Alicante
  4. Alto Adige DOC
  5. Amarone
  6. Asti
  7. Barbaresco
  8. Barbera
  9. Barbera del Monferrato
  10. Bardolino chiaretto
  11. Bardolino DOC
  12. Barolo
  13. Bianco Veronese
  14. Bolgheri
  15. Bolgheri Superiore
  16. Bonarda
  17. Brachetto
  18. Brunello di Montalcino
  19. Cabernet
  20. Cabernet Franc
  21. Cabernet Merlot
  22. Cabernet Sauvignon
  23. Cannonau
  24. Catarratto
  25. Cerasuolo d Abruzzo DOC
  26. Cerasuolo di Vittoria DOCG
  27. Chardonnay
  28. Chianti
  29. Chianti Classico
  30. Chianti Classico Riserva
  31. Cirò
  32. Colli Euganei DOC
  33. Collina del Milanese IGP
  34. Cortese
  35. Cortona DOC
  36. Corvina
  37. Curtefranca DOC
  38. Custoza
  39. Dolcetto d Alba
  40. Durello
  41. Etna DOC
  42. Falanghina
  43. Fiano
  44. Fragolino
  45. Franciacorta
  46. Frappato
  47. Garda DOC
  48. Garganega
  49. Gattinara DOC
  50. Gavi
  51. Gewurztraminer
  52. Greco di Tufo
  53. Grignolino
  54. Grillo IGT
  55. Insolia
  56. Lacryma Christi
  57. Lagrein
  58. Lambrusco
  59. Langhe
  60. Lazio IGT
  61. Lugana
  62. Marche IGT
  63. Maremma Toscana IGT
  64. Marsala
  65. Merlot
  66. Monferrato Dolcetto DOC
  67. Montecucco Rosso
  68. Montepulciano
  69. Montepulciano d Abruzzo
  70. Morellino di Scansano DOCG
  71. Moscato
  72. Moscato d Asti
  73. Moscato di Noto
  74. Muffato di vermentino
  75. Muller Thurgau
  76. Nebbiolo
  77. Nero d Avola
  78. Nero di Troia
  79. Noto Rosso
  80. Oltrepò Pavese DOC
  81. Paestum
  82. Passerina
  83. Passito
  84. Pecorino DOC
  85. Petit Verdot
  86. Pinot
  87. Pinot Grigio
  88. Pinot Nero
  89. Primitivo di Manduria
  90. Prosecco
  91. Prosecco Valdobbiadene
  92. Puglia IGT
  93. Raboso
  94. Recioto
  95. Refosco
  96. Ribolla
  97. Riesling
  98. Roero Arneis
  99. Rosso di Montalcino
  100. Rosso di Valtellina
  101. Rosso Veronese
  102. Salento IGT
  103. San Colombano DOC
  104. Sangiovese
  105. Sangue di Giuda
  106. Sauvignon
  107. Schioppettino
  108. Sforzato di Valtellina DOCG
  109. Sicilia DOC
  110. Sicilia IGT
  111. Soave
  112. Soave Classico
  113. Spumante
  114. Syrah
  115. Taurasi
  116. Toscana IGT
  117. Trebbiano d Abruzzo
  118. Trentino DOC
  119. Trento DOC
  120. Umbria IGT
  121. Valcalepio
  122. Vallagarina IGT
  123. Valpolicella Classico
  124. Valpolicella DOC
  125. Valpolicella Ripasso
  126. Valpolicella Superiore
  127. Valtellina Superiore
  128. Venezia Giulia IGT
  129. Verdicchio
  130. Verduzzo
  131. Vermentino
  132. Vermentino di Sardegna
  133. Vernatsch
  134. Vin Santo
  135. Zibibbo
Regione
  1. Abruzzo
  2. Calabria
  3. Emilia-Romagna
  4. Friuli-Venezia Giulia
  5. Lazio
  6. Liguria
  7. Lombardia
  8. Marche
  9. Molise
  10. Piemonte
  11. Puglia
  12. Sardegna
  13. Sicilia
  14. Toscana
  15. Trentino-Alto Adige
  16. Umbria
  17. Valle d'Aosta
  18. Veneto
  19. Campania
  20. Alto Adige
  21. Basilicata
  22. Trentino
Volume
  1. 0,75 L
  2. 1,5 L
Iscriviti ai Feed RSS

Montepulciano D Abruzzo

Il Montepulciano è una delle uve più importanti del centro Italia da cui prende nome il vino Montepulciano d'Abruzzo  (continua)

18 Prodotti/o

18 Prodotti/o

Vino Montepulciano d Abruzzo

Il Montepulciano d'Abruzzo è un vino DOC di bacca rossa, tipico della regione Abruzzo e dalle origini antiche. Viene prodotto in tutte le province abruzzesi come l'Aquila, Teramo, Pescara e Chieti. 
Le caratteristiche ampelografiche del vitigno prevedono una foglia di grandezza media e di colore verse scuro; il grappolo appare di dimensioni standard, con una formula conico-cilindrica e compatta; l'acino presenta un colore nero con riflessi viola, una forma regolare e tondeggiante e una buccia mediamente spessa, pruinosa e con un succo denso e di colore rosato. I tempi di coltivazione prevedono un germogliamento tardivo, con una produzione quantitativamente media e una pianta che si mostra abbastanza robusta e longeva.  I terreni di coltura mostrano diverse caratteristiche ma questo non inficia la sua produzione, anzi ogni vigneto presenta caratteristiche proprie che influiscono sulle capacità organolettiche, rendendo il suo sapore particolarmente aromatico. 
 

IL VITIGNO DEL MONTEPULCIANO D'ABRUZZO

Le zone che attualmente sono più interessate alla sua produzione, sono la Valle Peligna, nel versante orientale del Gran Sasso e nel Teramano. Inoltre, esso viene anche coltivato in Umbria e in diverse zone collinari della costiera adriatica. Fino a qualche decennio fa, veniva curato maggiormente l'aspetto quantitativo della produzione, ma negli ultimi anni c'è stata un'enorme rivalutazione dello stesso, con una esaltazione delle sue qualità. Tramite diverse sperimentazioni, quindi, si è arrivati a mettere a punto vigneti che producono un vino dalla grande potenza espressiva, con un delicato equilibrio di tannini morbidi e fitti, frutti rossi e un'alta gradazione alcoolica. Questo sono quindi i caratteri distintivi del Montepulciano d'Abruzzo, il quale viene prodotto anche in una variante bianca di uguale importanza, denominata Cerasuolo, che è un vino DOC rosato. Il Montepulciano d'Abruzzo è un vino DOC, ottenuto con l'85% di Montepulciano e il resto è vino che proviene da altri vitigni regolarmente autorizzati. 
Le sue caratteristiche gli consentono di adattarsi piuttosto bene a suoli diversi, sviluppando su ognuno caratteristiche proprie che lo rendono nel complesso, unico. Viste le sue caratteristiche, rappresenta spesso la base per andare ad esaltare gli aromi di altri vini e infatti, con la sua aggiunta si possono creare almeno 4 vini DOCG e un numero ancora maggiore di vini DOC.
 

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE

Dal colore rosso rubino intenso e scuro; a seconda del grado di invecchiamento può presentare delle venature di un brillante granata. Il profumo sprigiona un delicato aroma fruttato, che riporta alla mente mirtilli, ribes o uva spina. Il sapore è asciutto, caldo e gradevole, non troppo intenso, con un retrogusto speziato la cui consistenza cambia in funzione dell'invecchiamento. Al palato si possono avvertire note di amarena, ciliegia e frutti di bosco, con un retrogusto mandorlato di un accenno di tabacco e cuoio. Appare avvolgente al palato, con un gusto che permane a lungo e che sottolinea un delicato equilibrio tra i tannini, che sono presenti in minima parte, con una piccola percentuale di alcool. Di conseguenza, appare chiaro come il Montepulciano sia un vino leggero, ottimo per accompagnare antipasti e pietanze anche elaborate, in modo da riuscire a esaltare i sapori del piatto senza mai sovrastarlo nè risultare eccessivamente pesante. 
 

GLI ABBINAMENTI DEL MONTEPULCIANO D'ABRUZZO

I migliori abbinamenti prevedono come antipasti, per esempio, dei formaggi a pasta dura e stagionati, delle terrine di selvaggina, pasticci di carne o patè rustici; primi piatti anche elaborati come timballi o ravioli, risotti e pasta con sughi di carne; i secondi possono variare da carne bianca, come l'agnello o il coniglio al forno, carne bovina grigliata.
Quando il vino è invecchiato, si associa bene a formaggi a lunga stagionatura e piatti a base di carne più complessi come ossobuco o anatra in casseruola; inoltre è il vino ideale da presentare con la carne cosiddetta nera, ossia selvaggina da pelo, come per esempio il cinghiale o la lepre. La temperatura a cui va servito di aggira intorno ai 14-15 gradi, mentre i vini più invecchiati possono rimanere intorno ai 18-20 gradi. Temperature inferiori sono sconsigliate in quanto andrebbero ad alterare le proprietà organolettiche del vino. 
 

MONTEPULCIANO D'ABRUZZO: STORIA E TERRITORIO

Il Montepulciano rappresenta uno dei vini di più antica produzione ma di cui sono presenti notevoli riferimenti storici, grazie ai quali è stato possibile ricostruire la sua storia. Infatti, sono state trovate tracce risalenti al VII secolo a.C., quando si cominciò a coltivare la vigna con la tecnica della vite maritata. Riferimenti ufficiali al Montepulciano sono stati fatti da Polibrio, storico greco vissuto nel II a.C., che scrisse un memoriale, chiamato Storie, in cui, descrivendo le Guerre Puniche, citò questo vino come un potente rinvigorente del corpo e dello spirito dei temprati guerrieri di Annibale, i quali erano arrivati in Abruzzo discendendo l'Italia. Altri personaggi storici illustri lodarono le qualità del Montepulciano, come Plinio, Marziale e anche il grande Ovidio, che in Abruzzo ci nacque, definì la sua terra come particolarmente feconda di uva e adatta alla sua coltivazione. Il periodo delle invasioni barbariche segnò un cospicuo rallentamento nella sua produzione, la quale migliorò sensibilmente solo verso la fine del Medioevo. Infatti, gli Statuti cittadini de l'Aquila, intorno al 1350, dedicano interi capitoli al commercio di vino che si teneva all'epoca. La produzione cominciò a riscuotere un discreto successo, stabilizzandosi, tanto che, verso la fine del '500, fu Serafino Razzi a raccontare del grande commercio di vino che veniva fatto. Principalmente esso veniva trasportato via mare verso la Repubblica di Venezia.

Anche il filosofo Andrea Bacci descrive nelle sue opere quanto la vinicoltura avesse preso piede nella regione. In realtà, la prima chiara denominazione di Montepulciano d'Abruzzo la si riscontra in un saggio scritto dal napoletano Michele Torcia e che risale al 1792. Fino a quel momento, infatti, la vinicoltura abruzzese si era basata su precursori che utilizzavano l'uva per il trebbiano e il moscato. Da quel momento in poi, invece, il Montepulciano d'Abruzzo comincia la sua storia, anche se è stato messo sempre a paragone con il corrispettivo Sangiovese, a dimostrazione dello stretto legame che c'era tra l'Abruzzo e la Toscana in quel particolare momento storico. Il nome, infatti, richiama una città toscana e più di un esperto sostiene come proprio da Montepulciano l'uva sia stata introdotta in seguito nel territorio abruzzese, per poi trovare terreno fertile ed espandere la propria produzione. Si pensa che furono dei taglialegna che viaggiavano tra la Toscana e l'Abruzzo i responsabili dell'importazione delle vigne. 

Questo sito e alcuni servizi terzi utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili per migliorare l'esperienza dell'utente. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o cliccando sul bottone "ok accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. cookie policy
Ok accetto