English

Acquista per
Prezzo

Denominazione
  1. Aglianico
  2. Aleatico
  3. Alicante
  4. Alto Adige DOC
  5. Amarone
  6. Asti
  7. Barbaresco
  8. Barbera
  9. Barbera del Monferrato
  10. Bardolino chiaretto
  11. Bardolino DOC
  12. Barolo
  13. Bianco Veronese
  14. Bolgheri
  15. Bolgheri Superiore
  16. Bonarda
  17. Brachetto
  18. Brunello di Montalcino
  19. Cabernet
  20. Cabernet Franc
  21. Cabernet Merlot
  22. Cabernet Sauvignon
  23. Cannonau
  24. Catarratto
  25. Cerasuolo d Abruzzo DOC
  26. Cerasuolo di Vittoria DOCG
  27. Chardonnay
  28. Chianti
  29. Chianti Classico
  30. Chianti Classico Riserva
  31. Cirò
  32. Colli Euganei DOC
  33. Collina del Milanese IGP
  34. Cortese
  35. Cortona DOC
  36. Corvina
  37. Curtefranca DOC
  38. Custoza
  39. Dolcetto d Alba
  40. Durello
  41. Etna DOC
  42. Falanghina
  43. Fiano
  44. Fragolino
  45. Franciacorta
  46. Frappato
  47. Garda DOC
  48. Garganega
  49. Gattinara DOC
  50. Gavi
  51. Gewurztraminer
  52. Greco di Tufo
  53. Grignolino
  54. Grillo IGT
  55. Insolia
  56. Lacryma Christi
  57. Lagrein
  58. Lambrusco
  59. Langhe
  60. Lazio IGT
  61. Lugana
  62. Marche IGT
  63. Maremma Toscana IGT
  64. Marsala
  65. Merlot
  66. Monferrato Dolcetto DOC
  67. Montecucco Rosso
  68. Montepulciano
  69. Montepulciano d Abruzzo
  70. Morellino di Scansano DOCG
  71. Moscato
  72. Moscato d Asti
  73. Moscato di Noto
  74. Muffato di vermentino
  75. Muller Thurgau
  76. Nebbiolo
  77. Nero d Avola
  78. Nero di Troia
  79. Noto Rosso
  80. Oltrepò Pavese DOC
  81. Paestum
  82. Passerina
  83. Passito
  84. Pecorino DOC
  85. Petit Verdot
  86. Pinot
  87. Pinot Grigio
  88. Pinot Nero
  89. Primitivo di Manduria
  90. Prosecco
  91. Prosecco Valdobbiadene
  92. Puglia IGT
  93. Raboso
  94. Recioto
  95. Refosco
  96. Ribolla
  97. Riesling
  98. Roero Arneis
  99. Rosso di Montalcino
  100. Rosso di Valtellina
  101. Rosso Veronese
  102. Salento IGT
  103. San Colombano DOC
  104. Sangiovese
  105. Sangue di Giuda
  106. Sauvignon
  107. Schioppettino
  108. Sforzato di Valtellina DOCG
  109. Sicilia DOC
  110. Sicilia IGT
  111. Soave
  112. Soave Classico
  113. Spumante
  114. Syrah
  115. Taurasi
  116. Toscana IGT
  117. Trebbiano d Abruzzo
  118. Trentino DOC
  119. Trento DOC
  120. Umbria IGT
  121. Valcalepio
  122. Vallagarina IGT
  123. Valpolicella Classico
  124. Valpolicella DOC
  125. Valpolicella Ripasso
  126. Valpolicella Superiore
  127. Valtellina Superiore
  128. Venezia Giulia IGT
  129. Verdicchio
  130. Verduzzo
  131. Vermentino
  132. Vermentino di Sardegna
  133. Vernatsch
  134. Vin Santo
  135. Zibibbo
Regione
  1. Abruzzo
  2. Calabria
  3. Emilia-Romagna
  4. Friuli-Venezia Giulia
  5. Lazio
  6. Liguria
  7. Lombardia
  8. Marche
  9. Molise
  10. Piemonte
  11. Puglia
  12. Sardegna
  13. Sicilia
  14. Toscana
  15. Trentino-Alto Adige
  16. Umbria
  17. Valle d'Aosta
  18. Veneto
  19. Campania
  20. Alto Adige
  21. Basilicata
  22. Trentino
Volume
  1. 0,75 L
  2. 1,5 L
Iscriviti ai Feed RSS

Pinot Nero

Il Pinot nero è un vino estremamente famoso in tutto il mondo, dal colore rosso che non è mai troppo marcato e riconoscibile per il suo profumo molto caratteristico di piccoli frutti rossi (soprattutto ribes, ma anche mora e lampone).  (continua)

18 Prodotti/o

18 Prodotti/o

Vino Pinot Nero

Il Pinot nero è un vino estremamente famoso in tutto il mondo, dal colore rosso che non è mai troppo marcato e riconoscibile per il suo profumo molto caratteristico di piccoli frutti rossi (soprattutto ribes, ma anche mora e lampone). È assolutamente adatto all'invecchiamento in barrique. Il Pinot nero prodotto in climi freddi e prodotti con uve dalla giusta maturazione ha un gusto che ricorda aromi vegetali come la menta e l’aneto e la frutta come ciliegia e lampone. Quello invece prodotto in climi caldi ha un’aroma di frutta, come amarena e mora, e di fiori come violetta e rosa. Il gusto di questo vino si esalta nell’accompagnamento di formaggi stagionati, selvaggina, carni bianche e pollame in genere.
 

LA VINIFICAZIONE

L'uva viene raccolta a mano nel mese di Agosto quando ha raggiunto la completa maturazione e viene posizionata in piccole cassette, che vengono poste in cantina. La rigorosa metodica prevede che l'uva venga pigiata e diraspata nell'immediato e la sostanza deve rimanere alla temperatura di 12 gradi per l'intera notte. La tecnica è la medesima usata da sempre e permette al vino di assumere una tonalità giusta ed il tipico bouquet fruttato che tanto lo fa apprezzare. Infine, si da il via al processo di fermentazione alcolica da cui nasce il 'vino base' che viene travasato. Solo alla fine della stagione fredda, il vino viene imbottigliato con il tradizionale metodo e dopo aver subito il processo di rifermentazione.
Di solito, il Pinot riposa per 2 anni in bottiglia e poi viene 'illimpidito' e messo in commercio.
 

Caratterische organolettiche

Per quanto riguarda l'aroma, all'esame olfattivo, il Pinot nero si presenta molto ricco di profumi freschi e fruttati, tanto da essere definito uno di quei vini di enorme classe e raffinatezza.
Queste caratteristiche, infatti, si rilevano solo nei vini di alta qualità e la delicatezza del Pinot, sebbene il vino sia molto soave, è percepita in modo pronunciato. L'aroma del Pinot nero dipende molto dalla zona in cui viene coltivato, infatti, se il clima è freddo e umido l'uva non raggiunge una maturazione naturale e lenta e l'aroma che si avvertirà all'esame olfattivo ricorderà elementi erbacei come l'aneto, le foglie di pomodoro o la bacca rossa.Se l'uva matura naturalmente ed in condizioni climatiche ideali, gli aromi risulteranno ben definiti e assai pronunciati come l'amarena, la ciliegia e la prugna con profumi floreali alla rosa e alla violetta. Il Pinot nero, quando viene imbottigliato, subisce un'evoluzione significativa e i profumi si trasformano in tipiche percezioni di vegetali del sottobosco, di selvaggina o addirittura di cuoio.

All'esame gustativo il Pinot nero si presenta con un'ideale acidità, naturalmente controllata, altrimenti il giusto equilibrio verrebbe a mancare. Il Pinot nero ha bisogno di cure attente ed accurate non solo durante la produzione e la vinificazione ma anche durante la conservazione nelle cantine.
Il contenuto di tannini, abbastanza ridotto, influisce fortemente sull'acidità e mantenere il vino al giusto equilibrio diventa una vera e propria arte. Solitamente, il Pinot nero si presenta morbido durante la degustazione ma, come menzionato precedentemente, non è un vino geneticamente stabile è la morbidezza potrebbe essere modificata dalla permanenza in botti di legno.

All'esame visivo, a causa della buccia sottile dei suoi acini, il Pinot Nero non presenta spiccate capacità coloranti, una caratteristica ben evidente nel colore e nella trasparenza dei suoi vini rossi. Il colore dei vini rossi prodotti con Pinot Nero può variare da tonalità piuttosto chiare a mediamente intense, in accordo alla qualità delle uve e dai tempi di macerazione. In gioventù il colore assumerà tonalità rosso rubino che evolveranno con la maturazione in rosso granato per poi raggiungere evidenti tonalità rosso aranciato.
 

Abbinamento bicchiere

Un vino elegante e ricercato come il Pinot nero, va sorseggiato nel classico 'Ballon', ideale per valorizzare il sapore e l'aroma di questo vino, che come abbiamo potuto vedere, risulta a volte complesso. Il ballon è un calice che dovrebbe comparire in tutte le vetrinette degli estimatori di Pinot, perché questo bicchiere è destinato a vini pregiati e di classe e non a caso, viene usato per vini a lunghissimo invecchiamento. Il calice è adatto ai vini che necessitano di una buona ossigenazione e la struttura della pancia del bicchiere valorizza le caratteristiche della bevanda e le offre il modo di esprimersi appieno senza decantazione.
Grazie alla rotondità delle pareti del calice, il Pinot nero rilascia particelle volatili che si depositano sulle pareti convesse, per diffondersi al momento giusto.
 

GLI ABBINAMENTI DEL PINOT NERO

Il vino viene coinvolto in molti percorsi enogastronomici e chef di rinomata fama lo consigliano, perché sicuri che i loro piatti vengano valorizzati. Il Pinot, come pochi vini, avvolge con le sue caratteristiche particolari e la sua rara finezza che lo annovera tra quelle bevande ricche di molteplici profumi e sapori che si mescolano armonicamente e mentre si assaporano le note terrose, si passa repentinamente ad un gusto delicato come quello del ribes e della ciliegia.
La carne bianca ed i filetti di pesce apprezzano il corpo setoso del Pinot nero perché crea legami forti senza coprire il sapore. Un grande onore a questa bevanda lo fanno piatti classici composti da prosciutto crudo nostrano, scaglie di formaggio e sottaceti, ma il Pinot è da provare con l'agnello o con i piatti tipici come i canederli, il gulasch con la polenta o pietanze tirolesi.
La particolarità del Pinot nero e la sua struttura che si abbina ineccepibilmente a quei cibi che non peccano in untuosità, grazie ai tannini che hanno il compito di 'sgrassare' alcune pietanze fritte, compresi alcuni piatti cinesi. Nello stesso tempo, però, il vino ha la grande capacità di non coprire gli aromi delle pietanze e specialmente i piatti speziati come quelli che vedono protagonista il maialino nostrano, si lasciano cullare dal vino fresco e vellutato che esalta lo zenzero, il pepe o i chiodi di garofano.
L'unico consiglio è quello di non abbinare il Pinot a pietanze elaborate e che prevedono il piccante, perché il peperoncino annullerebbe il fascino del vino.
 

Pinot Nero: STORIA E TERRITORIO

Nella rinomata opera 'Naturalis Historia', il Pinot noir viene menzionato da Plinio il vecchio a conferma, che già a quei tempi, il vino godeva di una certa notorietà. Nel libro si parla minuziosamente di di alcune e variegate specie di viti coltivate e vinificate con ottimo apprezzamento da parte dei consumatori di allora. La definizione di Pinot pare sia dovuta alla particolare forma del grappolo d'uva che sebbene di dimensioni ridotte, assomiglia molto ad una pigna, perché gli acini si presentano attaccati molto fittamente proprio come se fossero le minuscole 'squamette' dell'involucro dei pinoli.
Gli studiosi ritengono che esistano almeno 1000 varietà varietà di questo vino e tra di esse troviamo il Pinot grigio e quello Bianco. Dare una corretta definizione al Pinot diventa quasi impossibile e la maggior parte degli estimatori lo giudica 'geneticamente instabile'. Negli ultimi tempi è diventato famoso anche oltre oceano e viene apprezzato nell'Oregon e in California, ma raggiunge il massimo della notorietà nella zona di appartenenza e, in modo particolare, nella Lorena e nella zona di Champagne. 

In Italia, il Pinot è conosciuto come 'Blauburgunder' e viene prodotto in Alto Adige, Trentino, Veneto e Friuli, con due tipi di uva che si differenziano tra loro per il diverso processo di vinificazione.
La prima qualità d'uva è adoperata per una vinificazione nera e il risultato finale è una bevanda molto delicata, anche se l'epilogo dipende dall'annata e dalla posizione dei vitigni.
La seconda qualità d'uva, invece, subisce un processo di lavorazione che non prevede il contatto con le bucce e l'esito è un'eccellente base per lo spumante.
I vitigni utilizzati sono gli stessi della Francia che, per antonomasia, è la patria di spumanti e champagne.
In questa vinificazione, la nostra penisola e la Francia hanno un particolare che le accomuna, ossia, l'aromacità e la corposità del vino. 

Questo sito e alcuni servizi terzi utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili per migliorare l'esperienza dell'utente. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o cliccando sul bottone "ok accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. cookie policy
Ok accetto