English

Acquista per
Prezzo

Denominazione
  1. Aglianico
  2. Aleatico
  3. Alicante
  4. Alto Adige DOC
  5. Amarone
  6. Asti
  7. Barbaresco
  8. Barbera
  9. Barbera del Monferrato
  10. Bardolino chiaretto
  11. Bardolino DOC
  12. Barolo
  13. Bianco Veronese
  14. Bolgheri
  15. Bolgheri Superiore
  16. Bonarda
  17. Brachetto
  18. Brunello di Montalcino
  19. Cabernet
  20. Cabernet Franc
  21. Cabernet Merlot
  22. Cabernet Sauvignon
  23. Cannonau
  24. Catarratto
  25. Cerasuolo d Abruzzo DOC
  26. Cerasuolo di Vittoria DOCG
  27. Chardonnay
  28. Chianti
  29. Chianti Classico
  30. Chianti Classico Riserva
  31. Cirò
  32. Colli Euganei DOC
  33. Collina del Milanese IGP
  34. Cortese
  35. Cortona DOC
  36. Corvina
  37. Curtefranca DOC
  38. Custoza
  39. Dolcetto d Alba
  40. Durello
  41. Etna DOC
  42. Falanghina
  43. Fiano
  44. Fragolino
  45. Franciacorta
  46. Frappato
  47. Garda DOC
  48. Garganega
  49. Gattinara DOC
  50. Gavi
  51. Gewurztraminer
  52. Greco di Tufo
  53. Grignolino
  54. Grillo IGT
  55. Insolia
  56. Lacryma Christi
  57. Lagrein
  58. Lambrusco
  59. Langhe
  60. Lazio IGT
  61. Lugana
  62. Marche IGT
  63. Maremma Toscana IGT
  64. Marsala
  65. Merlot
  66. Monferrato Dolcetto DOC
  67. Montecucco Rosso
  68. Montepulciano
  69. Montepulciano d Abruzzo
  70. Morellino di Scansano DOCG
  71. Moscato
  72. Moscato d Asti
  73. Moscato di Noto
  74. Muffato di vermentino
  75. Muller Thurgau
  76. Nebbiolo
  77. Nero d Avola
  78. Nero di Troia
  79. Noto Rosso
  80. Oltrepò Pavese DOC
  81. Paestum
  82. Passerina
  83. Passito
  84. Pecorino DOC
  85. Petit Verdot
  86. Pinot
  87. Pinot Grigio
  88. Pinot Nero
  89. Primitivo di Manduria
  90. Prosecco
  91. Prosecco Valdobbiadene
  92. Puglia IGT
  93. Raboso
  94. Recioto
  95. Refosco
  96. Ribolla
  97. Riesling
  98. Roero Arneis
  99. Rosso di Montalcino
  100. Rosso di Valtellina
  101. Rosso Veronese
  102. Salento IGT
  103. San Colombano DOC
  104. Sangiovese
  105. Sangue di Giuda
  106. Sauvignon
  107. Schioppettino
  108. Sforzato di Valtellina DOCG
  109. Sicilia DOC
  110. Sicilia IGT
  111. Soave
  112. Soave Classico
  113. Spumante
  114. Syrah
  115. Taurasi
  116. Toscana IGT
  117. Trebbiano d Abruzzo
  118. Trentino DOC
  119. Trento DOC
  120. Umbria IGT
  121. Valcalepio
  122. Vallagarina IGT
  123. Valpolicella Classico
  124. Valpolicella DOC
  125. Valpolicella Ripasso
  126. Valpolicella Superiore
  127. Valtellina Superiore
  128. Venezia Giulia IGT
  129. Verdicchio
  130. Verduzzo
  131. Vermentino
  132. Vermentino di Sardegna
  133. Vernatsch
  134. Vin Santo
  135. Zibibbo
Regione
  1. Abruzzo
  2. Calabria
  3. Emilia-Romagna
  4. Friuli-Venezia Giulia
  5. Lazio
  6. Liguria
  7. Lombardia
  8. Marche
  9. Molise
  10. Piemonte
  11. Puglia
  12. Sardegna
  13. Sicilia
  14. Toscana
  15. Trentino-Alto Adige
  16. Umbria
  17. Valle d'Aosta
  18. Veneto
  19. Campania
  20. Alto Adige
  21. Basilicata
  22. Trentino
Volume
  1. 0,75 L
  2. 1,5 L
Iscriviti ai Feed RSS

Soave

Il Soave è probabilmente il più famoso vino bianco DOC in Italia. Nel 1968 il titolo DOC comprendeva i vini ottenuti da uve Garganega coltivate sulle colline ad est di Verona, nella regione vinicola del Veneto, nel nord-est d'Italia.  (continua)

18 Prodotti/o

18 Prodotti/o

Vino Soave

Il Soave è probabilmente il più famoso vino bianco DOC in Italia. Nel 1968 il titolo DOC comprendeva i vini ottenuti da uve Garganega coltivate sulle colline ad est di Verona, nella regione vinicola del Veneto, nel nord-est d'Italia. Le caratteristiche naturalmente rinfrescanti di questo vino bianco fruttato lo hanno portato ad avere una grande popolarità a partire dalla seconda metà del 20° secolo. Come per il Chianti , il cui vino potrebbe essere visto come l'equivalente rosso del Soave, la quantità di vino Soave prodotta ad ogni annata è stata in passato molto più consistente di quanto non fosse la sua qualità. La tentazione naturale di voler ottenere più alti rendimenti (e quindi l'aumento di fatturato) ha portato negli anni molti produttori di Soave a favorire il volume rispetto al valore, andando a scapito del marchio Soave. Le conseguenze sono state importanti e ci sono voluti molti anni per ripristinare l'onore perduto, ma gli effetti negativi stanno per fortuna svanendo. Nelle mani di un produttore attento alla qualità, i vitigni Garganega possono fare vini bianchi classici, sia complessi che soddisfacenti. Adesso che Trebbiano Toscano e Pinot Bianco sono stati rimossi dalla miscela ufficiale del Soave, il potenziale naturale della varietà può finalmente emergere. Le uve Garganega devono ora costituire almeno il 70 per cento di tutti i moderni vini Soave, accompagnati da un massimo del 30 per cento di Chardonnay e Trebbiano di Soave (Verdicchio).
 

IL VITIGNO DEL SOAVE

L'area che ufficialmente è destinata alla produzione di vino Soave comprende i comuni di Monteforte d'Alpone, San Martino Buon Albergo, Mezzane di Sotto, Ronca, Montecchia di Crosara, San Giovanni Ilarione, San Bonifacio, Cazzano di Tramigna, Colognola ai Colli, Caldiero, Illasi, Lavagno e la stessa città di Soave. La zona di produzione si è notevolmente espansa quando Soave ha ottenuto il riconoscimento DOC ed oggi è tre volte di più dell'iniziale superficie. Il vitigno più importante per il Soave è Garganega, uno dei più antichi vitigni d'Italia. Si tratta di un vitigno molto versatile e, negli ultimi anni, è stato introdotto in altre aree in crescita soprattutto nel Nord Italia, anche se è solo a Soave che Garganega esprime la sua vera eccellenza. Accanto a Garganega, anche Trebbiano di Soave è un altro importante vitigno tradizionale utilizzato nell'uvaggio di vini Soave.
 

LA VINIFICAZIONE

Anche se Soave è ampiamente considerato come un vino fermo, c'è anche una versione schiumosa, il Soave Spumante. L'area produce anche vini dolci sotto la denominazione di Recioto di Soave DOCG. Questi sono basati sullo stesso uvaggio utilizzato per produrre la versione standard del vino Soave fermo e anche le zone di produzione delimitate sono più o meno le stesse. Come il Recioto della Valpolicella, anche Recioto di Soave è fatto con uve semi-secche. Grappoli selezionati di uve Garganega vengono lasciati appassire appesi a rastrelliere speciali in spazi allestiti sopra le cantine. Rimangono lì per almeno tre mesi e poi vengono spremuti e fermentati per dare origine ad un passito dolce e fruttato. Tutti i vini secchi Soave hanno colore giallo paglierino, talvolta con riflessi verdi. Al naso è croccante e profuma di fiori delicati. Al palato è delicato e leggero, con una acidità dolce e un retrogusto amaro di mandorla. I vini Soave classici dovrebbero essere bevuti entro un paio di anni dalla vendemmia, mentre il Soave Superiore, in particolare quello invecchiato in rovere, può essere conservato in cantina fino a 4-6 anni. Per etichettare il Soave come Classico è necessario che le uve provengano dalla zona di produzione storica, quali il comune di Soave e Monteforte d'Alpone. Il caratteristico suolo vulcanico di queste zone è un elemento importante nella creazione di un tipico ed equilibrato palato minerale. Il Soave Classico Superiore DOCG, il vino top Soave, è fatto con uve accuratamente scelte per il loro grado di maturazione più alto, selezionate nei migliori vigneti con resa limitata sulle colline a nord di Soave. Particolare attenzione è rivolta all'evoluzione del vino nelle cantine.
 

GLI ABBINAMENTI DEL SOAVE

Il Soave DOC è un vino bianco essenziale, caratterizzato da una vibrante acidità. Molto popolare come aperitivo, può essere apprezzato tutto l'anno. Il Soave Classico DOC è indubbiamente un vino più complesso ottenuto da uve di collina. E' ideale da abbinare con frutti di mare, crostacei, antipasti, minestre e, in generale, con piatti leggeri e saporiti. Il Soave Superiore è l'ideale con i formaggi, uova e carni bianche e anche, per chi beve Soave affinato in botti di legno, con lo stoccafisso. Per quanto riguarda Recioto di Soave, esso si presenta di un brillante color miele, al palato è morbido e ricco e la sua dolcezza non è mai fastidiosa grazie al buon equilibrio dato dalla tipica acidità dell'uva Garganega. Recioto di Soave si accompagna con dolci secchi e biscotti come cantucci e la torta tipica sbrisolona. Da provare anche con formaggi stagionati o maderizzati come il gorgonzola.
 

SOAVE: STORIA E TERRITORIO

Soave è il nome italiano di 'Suave', che significa Svevo e trae origine dalla presenza di questa popolazione longobarda giunta in Italia all'epoca dei romani. Molti credono che il nome in realtà sia legato alle caratteristiche spesso eleganti e lisce del vino, che lo rendono appunto 'soave'. Il vino di fatto prende origine dal paese di Soave, che si trova a pochi chilometri ad est di Verona, lungo l'autostrada verso Venezia, in cui viene prodotto. Ci sono testimonianze che dimostrano che il vitigno sia stato coltivato nella zona di Soave fin dai tempi antichi. Soave è stato un villaggio romano abbastanza importante lungo la via Postumia, una delle principali strade romane del Nord Italia. Il vino veniva trasportato lungo questa strada già a partire da quell'epoca e, da quel momento in avanti, la sua fama, soprattutto per la versione dolce, si è sparsa presto in tutta l'Italia. Tra tutti i vini prodotti dalle uve Garganega, Recioto di Soave è quello dalle più antiche tradizioni. L'esistenza nella zona di Verona di un vino bianco dolce simile a quello di oggi è testimoniato fin dal 5° secolo, nella famosa lettera inviata da Cassiodoro, ministro di Re Teodorico.

Questo sito e alcuni servizi terzi utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili per migliorare l'esperienza dell'utente. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o cliccando sul bottone "ok accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. cookie policy
Ok accetto