English

Acquista per
Prezzo

Denominazione
  1. Aglianico
  2. Aleatico
  3. Alicante
  4. Alto Adige DOC
  5. Amarone
  6. Asti
  7. Barbaresco
  8. Barbera
  9. Barbera del Monferrato
  10. Bardolino chiaretto
  11. Bardolino DOC
  12. Barolo
  13. Bianco Veronese
  14. Bolgheri
  15. Bolgheri Superiore
  16. Bonarda
  17. Brachetto
  18. Brunello di Montalcino
  19. Cabernet
  20. Cabernet Franc
  21. Cabernet Merlot
  22. Cabernet Sauvignon
  23. Cannonau
  24. Catarratto
  25. Cerasuolo d Abruzzo DOC
  26. Cerasuolo di Vittoria DOCG
  27. Chardonnay
  28. Chianti
  29. Chianti Classico
  30. Chianti Classico Riserva
  31. Cirò
  32. Colli Euganei DOC
  33. Collina del Milanese IGP
  34. Cortese
  35. Cortona DOC
  36. Corvina
  37. Curtefranca DOC
  38. Custoza
  39. Dolcetto d Alba
  40. Durello
  41. Etna DOC
  42. Falanghina
  43. Fiano
  44. Fragolino
  45. Franciacorta
  46. Frappato
  47. Garda DOC
  48. Garganega
  49. Gattinara DOC
  50. Gavi
  51. Gewurztraminer
  52. Greco di Tufo
  53. Grignolino
  54. Grillo IGT
  55. Insolia
  56. Lacryma Christi
  57. Lagrein
  58. Lambrusco
  59. Langhe
  60. Lazio IGT
  61. Lugana
  62. Marche IGT
  63. Maremma Toscana IGT
  64. Marsala
  65. Merlot
  66. Monferrato Dolcetto DOC
  67. Montecucco Rosso
  68. Montepulciano
  69. Montepulciano d Abruzzo
  70. Morellino di Scansano DOCG
  71. Moscato
  72. Moscato d Asti
  73. Moscato di Noto
  74. Muffato di vermentino
  75. Muller Thurgau
  76. Nebbiolo
  77. Nero d Avola
  78. Nero di Troia
  79. Noto Rosso
  80. Oltrepò Pavese DOC
  81. Paestum
  82. Passerina
  83. Passito
  84. Pecorino DOC
  85. Petit Verdot
  86. Pinot
  87. Pinot Grigio
  88. Pinot Nero
  89. Primitivo di Manduria
  90. Prosecco
  91. Prosecco Valdobbiadene
  92. Puglia IGT
  93. Raboso
  94. Recioto
  95. Refosco
  96. Ribolla
  97. Riesling
  98. Roero Arneis
  99. Rosso di Montalcino
  100. Rosso di Valtellina
  101. Rosso Veronese
  102. Salento IGT
  103. San Colombano DOC
  104. Sangiovese
  105. Sangue di Giuda
  106. Sauvignon
  107. Schioppettino
  108. Sforzato di Valtellina DOCG
  109. Sicilia DOC
  110. Sicilia IGT
  111. Soave
  112. Soave Classico
  113. Spumante
  114. Syrah
  115. Taurasi
  116. Toscana IGT
  117. Trebbiano d Abruzzo
  118. Trentino DOC
  119. Trento DOC
  120. Umbria IGT
  121. Valcalepio
  122. Vallagarina IGT
  123. Valpolicella Classico
  124. Valpolicella DOC
  125. Valpolicella Ripasso
  126. Valpolicella Superiore
  127. Valtellina Superiore
  128. Venezia Giulia IGT
  129. Verdicchio
  130. Verduzzo
  131. Vermentino
  132. Vermentino di Sardegna
  133. Vernatsch
  134. Vin Santo
  135. Zibibbo
Regione
  1. Abruzzo
  2. Calabria
  3. Emilia-Romagna
  4. Friuli-Venezia Giulia
  5. Lazio
  6. Liguria
  7. Lombardia
  8. Marche
  9. Molise
  10. Piemonte
  11. Puglia
  12. Sardegna
  13. Sicilia
  14. Toscana
  15. Trentino-Alto Adige
  16. Umbria
  17. Valle d'Aosta
  18. Veneto
  19. Campania
  20. Alto Adige
  21. Basilicata
  22. Trentino
Volume
  1. 0,75 L
  2. 1,5 L
Iscriviti ai Feed RSS

Syrah

Il Syrah o Shiraz è un vitigno a bacca rossa dalle origini controverse: alcuni, infatti, ritengono che la sua provenienza sia l'Iran presso la città di Shiraz, mentre altri pensano che le sue radici storiche siano legate al territorio di Siracusa, dal quale si sarebbe poi disperso per poi essere reintrodotto in Italia dalla vicina Francia  (continua)

5 Prodotti/o

5 Prodotti/o

Vino Syrah

Il Syrah o Shiraz è un vitigno a bacca rossa dalle origini controverse: alcuni, infatti, ritengono che la sua provenienza sia l'Iran presso la città di Shiraz, mentre altri pensano che le sue radici storiche siano legate al territorio di Siracusa, dal quale si sarebbe poi disperso per poi essere reintrodotto in Italia dalla vicina Francia. Il Syrah dà un vino di colore rosso rubino dalle sfumature violacee e dal profumo intenso e fruttato con sentori di piccoli frutti neri e spezie, tra le quali appare evidente il pepe nero; in bocca presenta una buona struttura e persistenza, è morbido e abbastanza fresco con una media tannicità. Questo vitigno viene ad oggi coltivato in quasi tutto il territorio vitivinicolo mondiale, anche se le sue espressioni migliori provengono dalle appellations Côte-rôtie, Hermitage e Saint Joseph della valle del Rodano in Francia; in Italia viene coltivato in Toscana (con i migliori risultati nella D.O.C. Cortona), nel Lazio (Agro pontino), in Puglia (Syrah del Tarantino IGT), in Piemonte con la DOC Sirah ed in Sicilia. Soprattutto quest'ultima regione ha saputo meglio interpretare il vitigno Syrah in Italia, vinificandolo in uvaggio con il Nero d'Avola, ottenendo vini morbidi e speziati molto richiesti dal mercato internazionale.

Il Syrah rappresenta un vino tra i più commerciali e venduti, grazie alle sue caratteristiche di forte aromaticità e di facilità di produzione. Inizialmente veniva chiamato Serine o Serene e veniva spesso scambiato con le Mondeuse, che per molto tempo è stato denominato Grande Syrah. In zone lontane, come l'Australa o il sud Africa, esso viene chiamato Shiraz. Il suo nome attuale è relativamente recente, risale infatti all'inizio del 1800, quando cominciarono ad arrivare le filossere nei vitigni francesi e si svilupparono collezioni ampelografiche comprendenti un'ampia varietà di vitigni. 
 

Il vitigno del Syrah

Nonostante questo sia un vino molto adattabile e che riesce a essere prodotto in quasi tutto il mondo, è l'Italia ad offrire una straordinaria intensità e diversità. La regione in cui le condizioni pedo-climatiche sono risultate eccellenti e la Sicilia, dove, com'è noto, avviene la produzione più massiva. E' proprio in questi vigneti, infatti, che le caratteristiche tipiche del Syrah si fondono in un unico insieme per dare vita ad un vino corposo, morbido e denso, in cui l'intensità donata dai tannini risente anche di note aromatiche provenienti dal legno. Si avvertono anche l'aroma speziato, le note di more e prugne che possono essere accompagnate anche da cacao amaro, liquirizia e caffè. A volte il vino viene mescolato con altri di tipo autoctono come il Nero d'Avola o il Merlot, al fine di diminuire il loro forte carattere selvatico.
Un fattore importante e da non sottovalutare durante la sua produzione è la quantità di raccolto che si può avere. Infatti, essendo il terreno di coltura molto fertile, il vigneto attecchisce rapidamente e comincia a proliferare, dando vita a una produzione fin troppo abbondante. Anche se inizialmente questo può apparire come un pregio, in realtà non lo è, in quanto può pregiudicare la qualità del vino. Per evitare questo problema spesso si procede con il diradamento dei grappoli. 

C'è anche da notare come la straordinaria adattabilità ambientale dei vitigni di Syrah, gli ha consentito di sviluppare una grande resistenza, andando ad aumentare la loro longevità e la capacità di sopportazione di stress ambientali come la mancanza di acqua o le scarse condizioni termiche o territoriali.
 

LA VINIFICAZIONE

Durante la sua coltivazione, per avere un raccolto ottimale sono molti i fattori che devono essere curati, come ad esempio scegliere il giusto ceppo da impiantare, il sistema di coltivazione e d'impiantamento utilizzati ma soprattutto, il fattore più importante è il sistema idrico. Infatti, anche se ci sono diverse scuole di pensiero riguardo alla quantità di acqua da utilizzare nella parte finale della maturazione, in genere bisogna sottoporre il vigneto a stress idrico nelle ultime settimane di lavorazione, in questo modo comincia un raggrinzimento del frutto e al suo interno, lo zucchero comincia a concentrarsi, aumentando il suo quantitativo. L'acino di uva in questo modo può arrivare a perdere fino al 20-30% del suo peso totale ma è proprio in queste condizioni estreme che si vanno a formare dei composti chimici, chiamati fenoli come le antocianine e i tannini, che sono responsabili delle caratteristiche organolettiche che rendono il Syrah così particolare e unico nel suo genere. 
 

Caratteristiche organolettiche

Le caratteristiche organolettiche del Syrah sono: il colore, che appare rosso scuro, con tendenza al granato e una pigmentazione simile all'inchiostro; l'aroma, che è il suo punto forte, deve contenere accenni di pepe, cacao, note di more e mirtilli, in alcuni casi anche liquirizia, ribes e spezie; il gusto al palato deve risultare caldo e vellutato, corposo e tannico. Occorre avvertirne la densità e un retrogusto di prugna, cioccolato e menta tipico.
Date le sue caratteristiche speziate e la sua complessità, il Syrah è particolarmente adatto per accompagnare antipasti a base di formaggi e salumi, anche piccanti; primi piatti elaborati come zuppe o minestre, lasagne, pasta asciutta o polenta; secondi a base di carne bovina, selvaggina, anatra e carne bianca come agnello o coniglio.
Il Syrah è un vino che va servito in calici ampi, a una temperatura ottimale che si aggira intorno ai 16-18 gradi, mentre le bottiglie più pregiate possono essere servite anche intorno ai 20 gradi.
 

Syrah: STORIA E TERRITORIO

Le sue origini sono complesse, molto antiche e ancora oggi ampiamente dibattute.
C'è, infatti, chi sostiene che il vitigno abbia avuto origini nella città di Shizan, in Iran, e chi sostiene che invece sia stato creato a Siracusa, da cui ha preso il nome, per poi essere diffurso nel mondo e solo in un secondo momento riportato in Italia dai cugini francesi. 

Molti storici ritengono che sia stato creato in Medio Oriente, dove in effetti ha avuto origine l'arte vinicola, secondo altri sarebbe stato creato in Egitto, dove già la regina Cleopatra ne sarebbe stata una grande estimatrice; da lì, tramite Probo, dovrebbe essere stato portato prima in Sicilia, a Siracusa, e subito dopo in Gallia.

In realtà, esistono tracce dell'esistenza del Syrah già nel 1224, quando il nobile Gaspard de Steinberg, portò con sè il vino mentre tornava dalle Crociate, trasportandolo da Cipro verso la regione di Tain, che si trova nella parte centrale del Rodano: egli si fermò in una cappella dedicata a San Cristoforo, impiantandoci un vigneto grazie a delle talee che aveva portato nella sella del suo cavallo. Questa origine storica è stata verificata e risulta plausibile, in quanto il percorso fatto è simile a quello di altri due vitigni (quelli della Mondeuse e dell'Altesse) che tramite i Savoia furono fatti arrivare a partire dalla metà del 1300 e dotati caratteristiche non troppo diverse dal Furmint, un altro tipo di vitigno che pure fu portato da Cipro in Ungheria tramite i Cavalieri Templari.

Inoltre, importanti autori latini e greci come Plutarco, Marziale e Plinio il Vecchio, hanno fatto spesso riferimento nelle loro opere a un vino rosso scuro, dal sapore cangiante che veniva prodotto a partire da un vitigno basato su uva nera e chiamato Vitis Allobrogica o Picata. Questa pianta presentava una particolare caratteristica: quando spostata dal suo territorio natale, perdeva le proprie qualità.

Questo sito e alcuni servizi terzi utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili per migliorare l'esperienza dell'utente. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o cliccando sul bottone "ok accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. cookie policy
Ok accetto