Durello vendita online - Winezon
English

Acquista per
Prezzo

Denominazione
  1. Aglianico
  2. Aleatico
  3. Alicante
  4. Alto Adige DOC
  5. Amarone
  6. Asti
  7. Barbaresco
  8. Barbera
  9. Barbera del Monferrato
  10. Bardolino chiaretto
  11. Bardolino DOC
  12. Barolo
  13. Bianco Veronese
  14. Bolgheri
  15. Bolgheri Superiore
  16. Bonarda
  17. Brachetto
  18. Brunello di Montalcino
  19. Cabernet
  20. Cabernet Franc
  21. Cabernet Merlot
  22. Cabernet Sauvignon
  23. Cannonau
  24. Catarratto
  25. Cerasuolo d Abruzzo DOC
  26. Cerasuolo di Vittoria DOCG
  27. Chardonnay
  28. Chianti
  29. Chianti Classico
  30. Chianti Classico Riserva
  31. Cirò
  32. Colli Euganei DOC
  33. Collina del Milanese IGP
  34. Cortese
  35. Cortona DOC
  36. Corvina
  37. Curtefranca DOC
  38. Custoza
  39. Dolcetto d Alba
  40. Durello
  41. Etna DOC
  42. Falanghina
  43. Fiano
  44. Fragolino
  45. Franciacorta
  46. Frappato
  47. Garda DOC
  48. Garganega
  49. Gattinara DOC
  50. Gavi
  51. Gewurztraminer
  52. Greco di Tufo
  53. Grignolino
  54. Grillo IGT
  55. Insolia
  56. Lacryma Christi
  57. Lagrein
  58. Lambrusco
  59. Langhe
  60. Lazio IGT
  61. Lugana
  62. Marche IGT
  63. Maremma Toscana IGT
  64. Marsala
  65. Merlot
  66. Monferrato Dolcetto DOC
  67. Montecucco Rosso
  68. Montepulciano
  69. Montepulciano d Abruzzo
  70. Morellino di Scansano DOCG
  71. Moscato
  72. Moscato d Asti
  73. Moscato di Noto
  74. Muffato di vermentino
  75. Muller Thurgau
  76. Nebbiolo
  77. Nero d Avola
  78. Nero di Troia
  79. Noto Rosso
  80. Oltrepò Pavese DOC
  81. Paestum
  82. Passerina
  83. Passito
  84. Pecorino DOC
  85. Petit Verdot
  86. Pinot
  87. Pinot Grigio
  88. Pinot Nero
  89. Primitivo di Manduria
  90. Prosecco
  91. Prosecco Valdobbiadene
  92. Puglia IGT
  93. Raboso
  94. Recioto
  95. Refosco
  96. Ribolla
  97. Riesling
  98. Roero Arneis
  99. Rosso di Montalcino
  100. Rosso di Valtellina
  101. Rosso Veronese
  102. Salento IGT
  103. San Colombano DOC
  104. Sangiovese
  105. Sangue di Giuda
  106. Sauvignon
  107. Schioppettino
  108. Sforzato di Valtellina DOCG
  109. Sicilia DOC
  110. Sicilia IGT
  111. Soave
  112. Soave Classico
  113. Spumante
  114. Syrah
  115. Taurasi
  116. Toscana IGT
  117. Trebbiano d Abruzzo
  118. Trentino DOC
  119. Trento DOC
  120. Umbria IGT
  121. Valcalepio
  122. Vallagarina IGT
  123. Valpolicella Classico
  124. Valpolicella DOC
  125. Valpolicella Ripasso
  126. Valpolicella Superiore
  127. Valtellina Superiore
  128. Venezia Giulia IGT
  129. Verdicchio
  130. Verduzzo
  131. Vermentino
  132. Vermentino di Sardegna
  133. Vernatsch
  134. Vin Santo
  135. Zibibbo
Regione
  1. Abruzzo
  2. Calabria
  3. Emilia-Romagna
  4. Friuli-Venezia Giulia
  5. Lazio
  6. Liguria
  7. Lombardia
  8. Marche
  9. Molise
  10. Piemonte
  11. Puglia
  12. Sardegna
  13. Sicilia
  14. Toscana
  15. Trentino-Alto Adige
  16. Umbria
  17. Valle d'Aosta
  18. Veneto
  19. Campania
  20. Alto Adige
  21. Basilicata
  22. Trentino
Volume
  1. 0,75 L
  2. 1,5 L
Iscriviti ai Feed RSS

Durello

Il Durello è una denominazione di origine controllata assegnata a due tipologie di vini prodotti nelle province di Verona e di Vicenza. Si tratta nello specifico delLessini Durello Spumante e del Lessini Durello Spumante riserva, entrambi prodotti con uva durella all'85% minimo.  (continua)

1 Prodotti/o

1 Prodotti/o

Vino Durello

Il Durello è un vino bianco veneto, coltivato nelle zone collinari delle provincie di Verona e Vicenza, sui Monti Lessini. Vino dalle tipiche note acidule e sapide, che si sono affinate nel corso degli anni grazie ai progressi della scienza enologica, il Durello è diventato un prodotto sempre più apprezzato, che si sta avvicinando, per fama e qualità, ai più noti vini veronesi come l’Amarone, il Soave o il Valpolicella. Il Durello viene prodotto nella versione ferma, come spumante e passito. Nel 1987 è stato insignito dell’importante riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata, con il nome di Monti Lessini Durello, diventando tra i DOC veneti più apprezzati. Nel 1997, con la nascita del Consorzio del Vino Lessini Durello, che racchiude i principali produttori di questo prodotto davvero particolare, nell’area di produzione si è avviato un percorso di valorizzazione e conoscenza del vino e del suo intero territorio. Le 18 Aziende consorziate propongono ogni anno apposite manifestazioni locali, per avvicinare i consumatori alla degustazione dei loro prodotti, e partecipano alle iniziative del settore organizzate altrove, per far conoscere ed apprezzare anche fuori dei loro confini le particolarità di un vino che si preannuncia con un futuro radioso.
 

Il vitigno del Durello

Il Durello nasce dalla vinificazione del vitigno autoctono dei Monti Lessini: la Durella. Come si evince dalla parola stessa, si tratta di un vitigno che da sempre produce uve dalla buccia molto spessa, ricca di tannini, che possiede un’acidità rilevante. Queste caratteristiche gli vengono dal territorio nel quale è nato, quello delle pre-alpi venete, che fanno da accesso alle Alpi vere e proprie, costituito principalmente da terreno vulcanico ricco di tufi e basalti. Da questa terra, in cui sono racchiusi preziosi Sali minerali, la vite ricava il nutrimento che gli conferisce, infine, quella tipica sapidità. Questi vitigni, inoltre, richiedono pochi interventi esterni in quanto i terreni porosi, che racchiudono acqua e sole, contengono sostanze nutritive che proteggono in modo naturale le viti dalle malattie cui sono più soggette. Per questo la coltivazione del Durello, insieme all’adozione da parte dei coltivatori di tecniche agricole rispettose dell’ambiente, è oggi considerata anche un’attività eco sostenibile, amica della natura. La presenza dei numerosi alberi di ciliegio, che si frammezzano alle viti, i boschi, i microrganismi locali che vivono con le altre piante sono, infine, altri importanti elementi che contribuiscono ad elevare la qualità del vitigno.
 

La vinificazione

Come per i principali vini da imbottigliamento, quando il ciclo vegetativo è nella norma, la vendemmia comincia a fine estate. La maggior parte dei produttori la pratica nella maniera tradizionale, in cassetta, per lavorare poi i grappoli, scelti ben maturi e lasciati a raffreddare in luoghi asciutti, attraverso una spremitura leggera. La buona longevità di questo vino lo rendono perfetto per riposare a lungo, anche per anni, in cantina, per ricavarne vini dai sentori di estrema armonia. Lo spumante, prodotto con minimo l'85% di uva Durella, viene realizzato con metodo classico, il che permette di bilanciare appieno la sua acidità, conferendogli una grande complessità di aromi. Le varietà sono due: Monti Lessini Durello Spumante e Monti Lessini Durello Spumante Riserva, in cui quest’ultimo viene fatto rifermentare in bottiglia, dalla data del tiraggio, per la durata di almeno 36 mesi. Quanto al Monti Lessini Durello Passito la procedura prevede che l’uva Durello sia messa ad appassire per un minimo di quattro mesi.
 

Gli abbinamenti del Durello

Dall’aperitivo all’intero pasto, il Durello DOC è uno vino di buona struttura e molto versatile, in grado di accompagnare piatti veneti di grande carattere, come salumi e formaggi, i risotti corposi, il baccalà, gli arrosti e persino la trippa in umido. Si inizia ad assaporarlo già con l’antipasto, specialmente quelli sfiziosi, di tutti i tipi, a buffet: dalle fritture in pastella di ogni tipo alle tartine e ai canapè, dalle pizzette fino ai sapori forti come le olive ascolane. Mostra il suo lato migliore con i primi piatti di grande costruzione, come i timballi, le minestre o i risotti corposi, che normalmente si accompagnano al rosso. I pesci grassi, come l’angiulla, non potrebbero vedere abbinamento più fortunato, ma anche crostacei, scampi e persino lumache, possono trarne vantaggio. Per non parlare di uova e verdure, come gli asparagi, ad esempio, e le frittate, di tutti i tipi, magari con l’amarognolo delle erbe selvatiche. Sarà perfetto anche con le cucine internazionali dai sapori forti, come quella messicana. Per il dessert, invece, il Passito è la soluzione ideale. Mentre un abbinamento insolito, ma assolutamente azzeccato, è con i formaggi forti come gli erborinati e i paté di fegato, con i quali gareggia a stemperare le note e gli accenti corposi tra dolce e salato. Il brut, infine, usato per creare cocktail tradizionali o più innovativi, sarà la base giusta da cui partire per un ideale giro del mondo ricco di fresche e fantastiche bollicine.
 

Durello: storia e territorio

Il Durello è un vitigno di antiche origini. Se ne rinvengono notizie scritte già intorno agli anni 1200, quando veniva utilizzata dell’uva autoctona del vicentino, quasi per niente conosciuta altrove, per farne un vino molto rustico, prettamente di uso locale. Quell’uva veniva chiamata Durasena, per via della buccia dura e spessa, come rimase sempre anche in seguito, derivazione del latino Durus Acinus. Alla fine del Medioevo la sua coltivazione era molto diffusa in tutti i monti del versante orientale del veronese e nel vicentino. Il fatto avvenne perché le casate nobiliari venete, avendo deciso di investire molto sull’attività agricola della regione, vi inclusero anche l’uva del territorio, compresa questa strana Durasena. Essendo ancora troppo acidulo, però, in quell’epoca veniva usato soprattutto come vino da taglio, oppure opportunamente allungato con abbondante aggiunta di acqua. Abitudine che continuò anche quando guerre e pestilenze, come nel resto d’Italia, ridussero quell’area in miseria. Pur cambiando a volte nome, la produzione di vino tratto da quelle uve continuò, tentando di alleviare la dura vita dei contadini. Negli anni del boom economico, infine, il Durello trova una nuova vita, cominciando a sperimentare la spumantizzazione, che lo innalzerà a vino Doc, degno delle tavole anche più elevate.

Questo sito e alcuni servizi terzi utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili per migliorare l'esperienza dell'utente. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o cliccando sul bottone "ok accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. cookie policy
Ok accetto