Dolcetto d Alba vendita online - Winezon
English

Acquista per
Prezzo

Denominazione
  1. Aglianico
  2. Aleatico
  3. Alicante
  4. Alto Adige DOC
  5. Amarone
  6. Asti
  7. Barbaresco
  8. Barbera
  9. Barbera del Monferrato
  10. Bardolino chiaretto
  11. Bardolino DOC
  12. Barolo
  13. Bianco Veronese
  14. Bolgheri
  15. Bolgheri Superiore
  16. Bonarda
  17. Brachetto
  18. Brunello di Montalcino
  19. Cabernet
  20. Cabernet Franc
  21. Cabernet Merlot
  22. Cabernet Sauvignon
  23. Cannonau
  24. Catarratto
  25. Cerasuolo d Abruzzo DOC
  26. Cerasuolo di Vittoria DOCG
  27. Chardonnay
  28. Chianti
  29. Chianti Classico
  30. Chianti Classico Riserva
  31. Cirò
  32. Colli Euganei DOC
  33. Collina del Milanese IGP
  34. Cortese
  35. Cortona DOC
  36. Corvina
  37. Curtefranca DOC
  38. Custoza
  39. Dolcetto d Alba
  40. Durello
  41. Etna DOC
  42. Falanghina
  43. Fiano
  44. Fragolino
  45. Franciacorta
  46. Frappato
  47. Garda DOC
  48. Garganega
  49. Gattinara DOC
  50. Gavi
  51. Gewurztraminer
  52. Greco di Tufo
  53. Grignolino
  54. Grillo IGT
  55. Insolia
  56. Lacryma Christi
  57. Lagrein
  58. Lambrusco
  59. Langhe
  60. Lazio IGT
  61. Lugana
  62. Marche IGT
  63. Maremma Toscana IGT
  64. Marsala
  65. Merlot
  66. Monferrato Dolcetto DOC
  67. Montecucco Rosso
  68. Montepulciano
  69. Montepulciano d Abruzzo
  70. Morellino di Scansano DOCG
  71. Moscato
  72. Moscato d Asti
  73. Moscato di Noto
  74. Muffato di vermentino
  75. Muller Thurgau
  76. Nebbiolo
  77. Nero d Avola
  78. Nero di Troia
  79. Noto Rosso
  80. Oltrepò Pavese DOC
  81. Paestum
  82. Passerina
  83. Passito
  84. Pecorino DOC
  85. Petit Verdot
  86. Pinot
  87. Pinot Grigio
  88. Pinot Nero
  89. Primitivo di Manduria
  90. Prosecco
  91. Prosecco Valdobbiadene
  92. Puglia IGT
  93. Raboso
  94. Recioto
  95. Refosco
  96. Ribolla
  97. Riesling
  98. Roero Arneis
  99. Rosso di Montalcino
  100. Rosso di Valtellina
  101. Rosso Veronese
  102. Salento IGT
  103. San Colombano DOC
  104. Sangiovese
  105. Sangue di Giuda
  106. Sauvignon
  107. Schioppettino
  108. Sforzato di Valtellina DOCG
  109. Sicilia DOC
  110. Sicilia IGT
  111. Soave
  112. Soave Classico
  113. Spumante
  114. Syrah
  115. Taurasi
  116. Toscana IGT
  117. Trebbiano d Abruzzo
  118. Trentino DOC
  119. Trento DOC
  120. Umbria IGT
  121. Valcalepio
  122. Vallagarina IGT
  123. Valpolicella Classico
  124. Valpolicella DOC
  125. Valpolicella Ripasso
  126. Valpolicella Superiore
  127. Valtellina Superiore
  128. Venezia Giulia IGT
  129. Verdicchio
  130. Verduzzo
  131. Vermentino
  132. Vermentino di Sardegna
  133. Vernatsch
  134. Vin Santo
  135. Zibibbo
Regione
  1. Abruzzo
  2. Calabria
  3. Emilia-Romagna
  4. Friuli-Venezia Giulia
  5. Lazio
  6. Liguria
  7. Lombardia
  8. Marche
  9. Molise
  10. Piemonte
  11. Puglia
  12. Sardegna
  13. Sicilia
  14. Toscana
  15. Trentino-Alto Adige
  16. Umbria
  17. Valle d'Aosta
  18. Veneto
  19. Campania
  20. Alto Adige
  21. Basilicata
  22. Trentino
Volume
  1. 0,75 L
  2. 1,5 L
Iscriviti ai Feed RSS

Dolcetto D Alba

Il Dolcetto d'Alba è uno dei vini più rappresentativi della regione delle Langhe e del Piemonte. Nel 1974, viene insignito della denominazione Doc decodificando l'intera zona di coltivazione, che ricade tra la provincia di Cuneo e di Asti.  (continua)

3 Prodotti/o

3 Prodotti/o

Vino Dolcetto d Alba

Il Dolcetto d'Alba è uno dei vini più rappresentativi della regione delle Langhe e del Piemonte. Nel 1974, viene insignito della denominazione Doc decodificando l'intera zona di coltivazione, che ricade tra la provincia di Cuneo e di Asti. La città di Alba è il principale centro di produzione in termini di imbottigliamento e commercializzazione. Albaretto della Torre, Barbaresco, Castiglione Falletto, Serralunga d'Alba, Treiso, Roddino, Torre Bormida e Sinio sono solo alcuni dei comuni produttori in provincia di Cuneo. Nei dintorni di Asti è Coazzolo a rappresentare un'altra area agricola del tipico Dolcetto. Un territorio suggestivo e ricco di storia, che si caratterizza per la secolare tradizione vitivinicola. A confermare l'importanza di queste zone geografiche, nel 2014 l'Unesco ha dichiarato patrimonio dell'umanità le terre del Monferrato e del Roero, inserendole all'interno della lista dei siti protetti.
 

Il vitigno del Dolcetto

L'origine di queste uve non è chiara così come il nome che si riferirebbe alla dolcezza delle bacche rosse mature. Il vino viene prodotto utilizzando il 100% di uve Dolcetto. I primi cenni storici ufficiali risalgono al XVI secolo e grazie alle proprie caratteristiche organolettiche, è stato sempre molto apprezzato come vino da pasto. É un vitigno delicato che soffre gli sbalzi termici stagionali estivi, raggiungendo la maturazione precocemente rispetto ad altre tipologie. Predilige contesti collinari e terreni argillosi, silicei e calcarei.
Il sapore viene permeato dagli elementi presenti nel terreno, impreziosendo e differenziando il risultato della lavorazione.
Il controllo sulle modalità, le tecniche di vinificazione e il mantenimento di un'elevata qualità viene effettuato dal Consorzio Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero, che comprende gli oltre 3.100 viticoltori.
 

LA Vinificazione

Generalmente, in base alle condizioni climatiche la raccolta delle uve avviene nella prima decade del mese di settembre. Infatti, è opportuno monitorare costantemente le condizioni delle viti, data la loro fragilità ai cambi di temperatura e alla poca tolleranza al caldo afoso. La dolcezza da cui deriva il nome è conseguente alla bassa acidità contenuta negli acini piuttosto che per la grande presenza di elementi zuccherini. La vinificazione avviene seguendo le tecniche tradizionali e dura generalmente una decina di giorni. Successivamente viene effettuata una seconda fermentazione, detta anche malolattica che porta il Dolcetto d'Alba a maturazione. Dopo l'imbottigliamento è previsto un breve periodo di affinamento e la gradazione alcolica complessiva è di 11,5 gradi. Quando viene superato questo valore si ottiene la varietà di Dolcetto d'Alba Superiore, che riposa per ulteriori dodici mesi prima di essere messo in vendita.
 

Caratteristiche organolettiche

Il vino presenta un colore rosso con tonalità rubino, talvolta tendenti al violaceo. Il bouquet può mutare in base ai differenti terreni di coltivazione, ad ogni modo all'olfatto arriva un forte sentore vinoso, che si caratterizza per le profumazioni derivate dalla presenza di aromi fioriti e frutta rossa, come prugne e more. All'assaggio il sapore risulta essere molto armonico, tannico, corposo ed al contempo asciutto. Persistente e duraturo, il retrogusto mantiene e amplifica le peculiarità degustative, è connotato dal tipico gusto ammandorlato che da sempre identifica il Dolcetto d'Alba. Si tratta di un vino fermo e secco che va servito a una temperatura ideale che può variare tra i 16 e i 20 gradi, preferibilmente in bicchieri ballon.
 

GLI ABBINAMENTI DEL DOLCETTO

Diffuso e apprezzato il Dolcetto d'Alba è per tradizione piemontese uno dei vini scelti per accompagnare i pasti quotidiani. Infatti, grazie alle proprie caratteristiche è consigliato per essere abbinato a una grande varietà di pietanze e alimenti. Si sposa molto bene con gli antipasti, composti da diversi salumi e formaggi, come ad esempio la Toma Piemontese di media stagionatura oppure il Grana Padano stagionato. Seguendo le pietanze tipiche del territorio è perfetto per l'antipasto di carne cruda all’Albese. Per i primi piatti offre ampia scelta, può essere degustato con zuppe, minestroni, risotti e brodi di carne. Senza dimenticare la pasta fresca e le ricette della cucina piemontese, come gli agnolotti ripieni e i ravioli al plin. Inoltre, si adatta perfettamente ai piatti di carne, pollame, bolliti, arrosti ma è l'ideale anche per secondi a base di uova e contorni, come insalate o le crocchette piemontesi ripiene di patate e riso dette Subric. Il Dolcetto d'Alba è un vino rosso da pasto completo, facilmente abbinabile a svariati cibi data la consistenza armoniosa e ferma.
 

DOLCETTO: STORIA E TERRITORIO

Il particolare territorio dove viene coltivato il delicato vitigno, viene influenzato dalla presenza del fiume Tanaro e dalla vicinanza con le Alpi Marittime. Questi elementi ambientali garantiscono il microclima ideale per fare crescere le viti, mantenendo l'ottimale grado di umidità e la freschezza di cui hanno bisogno le piante, per raggiungere la corretta maturazione. Le correnti provenienti dalle Alpi assicurano un'ossigenzazione costante che mette al riparo i grappoli dal caldo eccessivo. In base alle diverse altitudini, in cui vengono allevati i vitigni di Dolcetto d'Alba, variano anche alcune sfumature delle caratteristiche organolettiche che definiscono abitualmente questo vino rosso dall'intenso colore e sapore.

Il territorio di Alba è noto fin dall'antichità per essere predisposto e adatto alla coltivazione. In epoca romana la cittadella era conosciuta con il nome di Pompeia e durante il Medio Evo la tradizione agricola divenne sempre più fondamentale come fonte economica e commerciale. Sembrerebbe che l'origine più indicata di questa vite sia da attribuire alle zone del Monferrato, da questo punto poi si sarebbe diffusa nella provincia di Alessandria, nell'Oltrepò Pavese, in Liguria, nel Piacentino e nei dintorni del Milanese. Una lunga contesa però continua tra la regione Piemonte e la Liguria, per quanto riguarda la primogenitura del vitigno. La produzione secolare nell'entroterra ligure del cosiddetto Ormeasco, dimostrerebbe come la varietà di Dolcetto sia nata più sul versante meridionale rispetto ai dintorni del Monferrato. Inoltre, la denominazione potrebbe anche provenire direttamente dal dialetto piemontese, piuttosto che rifarsi alle rinomate caratteristiche dolciastre di queste uve con poca acidità. Infatti, il termine düssets si riferisce ai dossi collinari, dove il Dolcetto d'Alba viene da sempre e abitualmente coltivato.

 
Questo sito e alcuni servizi terzi utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili per migliorare l'esperienza dell'utente. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o cliccando sul bottone "ok accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. cookie policy
Ok accetto